Musica & News

Elton John : nuovo album The Lockdown Sessions

today03/09/2021 48 23

Sfondo
share close
Elton John

Una raccolta di 16 brani scritti ed ideati durante il periodo del lockdown. Elton John sorprende ancora con un album ricco anche di collaborazioni. Si chiama The Lockdown Sessions.

Buongiorno amici di Radio, oggi Elton John ci sorprende con una nuova notizia: in uscita il suo nuovo album. Figlio dell’era della mandemia e dell’obbligo di non uscire, un album che canta Lockdown a partire dal nome. 

Elton John: the lockdown session.

“The Lockdown Sessions”, l’album di Elton John che raccoglie le canzoni registrate a distanza, negli ultimi 18 mesi, in collaborazione con vari artisti del panorama musicale mondiale. L’uscita è prevista per il 22 ottobre. 

La reclusione, l’obbligo di proteggersi dalla pandemia e l’impossibilità di uscire sono stati il punto di partenza di un nuovo album. Un album che si definisce è un viaggio musicale attraverso generi diversi, 16 tracce e 10 inediti con annesse varie collaborazioni. Di quali collaborazioni stiamo parlando? Brandi Carlile, Charlie Puth, Dua Lipa, Eddie Vedder, Gorillaz, Lil Nas X, Miley Cyrus, Nicki Minaj, Rina Sawayama, SG Lewis, Stevie Nicks, Stevie Wonder, Surfaces, Years & Years, Young Thug e altri. 

Elton John: le sue parole.

L’ultima cosa che mi aspettavo di fare durante l’isolamento era fare un album. Ma, mano a mano che la pandemia andava avanti, continuavano a spuntare progetti una tantum. Alcune delle sessioni di registrazione dovevano essere fatte a distanza, via Zoom, cosa che ovviamente non avevo mai fatto prima. Alcune sessioni sono state registrate con regole di sicurezza molto severe: lavorare con un altro artista, ma separati da schermi di vetro. La cosa certa è che tutte le tracce su cui ho lavorato erano davvero interessanti e diverse, roba completamente diversa da tutto ciò per cui sono conosciuto, roba che mi ha portato fuori dalla mia comfort zone in un territorio completamente nuovo. E ho capito che c’era qualcosa di stranamente familiare nel lavorare in questo modo. All’inizio della mia carriera, alla fine degli anni ’60, ho lavorato come session man. Lavorare con diversi artisti durante il lockdown mi ha ricordato questo. Avevo chiuso il cerchio: ero di nuovo un session man. Ed era ancora uno sballo”.

(ANSA)

Per oggi è tutto ma continuate a seguire la nostra radio per nuove informazioni. 

Scritto da: admin

Rate it

Commenti post (23)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

  1. 20bet il 24/09/2023

    I am currently writing a paper and a bug appeared in the paper. I found what I wanted from your article. Thank you very much. Your article gave me a lot of inspiration. But hope you can explain your point in more detail because I have some questions, thank you. 20bet

0%