Home
  • Home
  • VINILI: IL RITORNO!

VINILI: IL RITORNO!

13 Ottobre 2020 Altro Musica & News Natura News


Rimediazione: termine che indica quel processo secondo il quale i vecchi media vengono “ricosiderati” e fatti rinascere sotto una nuova luce. Un’attenzione e un interesse particolare al vintage che si carica di valore. Un ritorno al mondo del vinile.

Viviamo in un’epoca digitalizzata, dove tutti i nostri brani possono essere rinchiusi all’interno di un mp3, o semplicemente sullo schermo del nostro smartphone, oppure all’interno di un’app. ad oggi questa moda sembra ormai in disuso. Il comodo stanca perché non porta con se il concetto del bello.  Un concetto di cui si fa, invece, portavoce il vinile.

Ma perché? A quanto pare questa modalità di ascolto è reale, tangibile, ci regala la gioia di poter uscire di casa, recarci nei music store e darci l’imbarazzo della scelta per l’acquisto. Il percorso si riempie di passi che ci riportano a casa concludendosi con la puntina del giradischi che comincia a graffiare, producendo un suono “vero”, sincero, autentico. Forse mancava tutto questo. Un tutto che la generazione z non ha avuto la possibilità di conoscere, ma che sta avendo il piacere di riscoprire, per fortuna.

Quali sono i vantaggi del ritorno al vinile?

Da un punto di vista dell’inquinamento, purtroppo, non ci sono buone nuove. I dischi sono realizzati con materiale PVC che contiene, infatti, sostanze cancerogene che secondo Greenpece si riversa nel fiume Chao Phraya sin dagli anni Novanta. Ad oggi non ci è dato pervenire i dati dell’inquinamento per capire quanto grave è l’impatto ambientale dato dalla produzione dei vinili.

D’altra parte, il ritorno al playing 33 giri ha potuto far fronte alle esigenze delle case discografiche di combattere la pirateria, tornando a vendere la musica anche in negozio. Infatti da qualche anno a questa parte, quasi tutti gli artisti producono il loro disco anche in vinile.

Antico non è sempre sinonimo di vecchio e il ritorno al vinile dà la possibilità anche alle nuove generazioni non solo di apprezzare, ma anche di conoscere quello che c’era prima. Di scoprire il valore del passato in una chiave di volta moderna.

Condividi su:

, , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *