Home
  • Home
  • CONTE: NUOVE MISURE DI CONTENIMENTO.

CONTE: NUOVE MISURE DI CONTENIMENTO.

4 dicembre 2020 News


Il premier Conte, nella giornata del 3 dicembre 2020, illustra le nuove misure di contenimento, con il fine ultimo di evitare un nuovo Lockdown generalizzato. È necessario porre dei limiti anche e soprattutto durante il periodo di festa.

Alla conferenza stampa del 3 dicembre il presidente del consiglio Giuseppe Conte illustra le nuove misure di sicurezza.

Le situazioni cambiano e i cotesti anche, per questo risulta necessario adeguare le norme alle esigenze attuali che chiamano “Festa”. Ecco cosa preoccupa al momento: la festività natalizia. “Continueremo a portare avanti il sistema delle regioni colorate. Possiamo adottare misure differenziate su basi regionali, proporzionate sul territorio. Senza penalizzazioni” queste sono le parole di Conte riportate da RaiNews.

Non è stata causale la scelta di mettere nuove restrizioni durante il periodo di Novembre.

Momenti di crisi che non si fermano. Non è stato indifferente la scelta di mettere in atto nuove restrizioni durante il periodo di novembre, a seguito del periodo estivo a causa del quale si sono registrati nuovi contagi. Sono state istituite zone gialle, arancioni e rosse che hanno impedito la possibilità di accesso tra i vari comuni, con lo scopo di indurre cautela tra i cittadini i cui movimenti e spostamenti bisogna dare un dovuto e necessario contegno. Troppe zone ad alto rischio che hanno fatto ripensare anche le disposizioni originali dettate il 3 novembre. Abruzzo, Basilicata, Toscana, Liguria e Umbria sono diventate zona arancione, dati registrati già il 10 novembre. A soli sette giorni di distanza dalla decisione originale le cose sono cambiate, a sottolineare la criticità di questo momento. Con il trascorrere dei giorni non sono state risparmiate le nuove zone rosse.

A questo punto viene spontaneo chiedere: quali saranno i nuovi accorgimenti da dover rispettare?

Nuovi accorgimenti che prevedono misure adeguate al fine di evitare un lockdown generalizzato come quello della prima ondata.

“Siamo costretti a ulteriori restrizioni in vista delle festività natalizie, per scongiurare una terza ondata che potrebbe arrivare già a  gennaio” ha rimarcato Conte. “Dal 21 al 6 vietati tutti gli spostamenti da una regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case. Nei giorni 25, 26 dicembre e 1 gennaio vietati anche gli spostamenti da un comune all’altro, su tutto il territorio nazionale resta il divieto di spostarsi dalle 22 alle 5 del mattino, per Capodanno questo divieto sarà esteso dalle 22 alle 7 del mattino del 1 gennaio”. “E’ una cautela essenziale per proteggere i nostri cari”. “E’ sempre consentito il rientro nel comune di residenza o dove si abita con continuità, questo consentirà il ricongiungimento delle coppie”, chiarisce il premier. “Ci si potrà sempre spostare per motivi di lavoro salute e necessità e nei casi di necessità ricorre anche l’iniziativa di prestare assistenza a persone non autosufficienti”.  “Chi torna dall’estero dovrà fare una quarantena” ha precisato Conte.

Continua dicendo: “Dal 4 dicembre al 6 gennaio i negozi saranno aperti fino alle 21. Non vogliamo limitare lo shopping, la consuetudine dello scambio dei regali”, ha aggiunto. “Gli impianti sciistici resteranno chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio. E dal 20 dicembre al 6 gennaio sono sospese anche le crociere”.

Siamo in un periodo particolare e continuiamo a ribadirlo. Rimane necessario e doveroso il rispetto delle norme per la prevenzione della salute e di tutta la condizione sanitaria attuale.

Informazioni tratte da RaiNews.

 

Condividi su:

, , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *