On Air
18esimo Programma Only posh music for your ears.
Home
  • Home
  • I Sinchrome, nuova band emergente di Ferrara.

I Sinchrome, nuova band emergente di Ferrara.

17 ottobre 2016 Artisti Band emergenti Musica & News


sinchrome1

Siamo particolarmente felici di sostenere le giovani band emergenti perché supportare la musica che non è mainstream significa affacciarsi a un mondo variegato, fatto di talento e mille storie belle.

Ad esempio, oggi vi presentiamo i Sinchrome. Loro sono una giovane band di Ferrara che fa musica di qualità. Abbiamo ascoltato il loro brano “Falling Star” e catturati dal loro sound, abbiamo deciso di conoscerli meglio.

Raccontateci un po’ la vostra storia.

L’idea di dare vita ad un progetto musicale alternativo nasce dall’incontro di Matteo Balboni e Nicola Rubini, accomunati dalle stesse idee musicali. Il progetto prende forma con l’ingresso nella band di Riccardo Graziani, che aveva già collaborato con noi per l’elaborazione di idee con un’impronta più elettronica e di Mattia Pigliapoco. Dalla formazione del nucleo definitivo, il progetto prende il nome di Sinchrome, che nasce dal concetto di sincronizzazione, che è diventato poi l’intento della nostra band, ossia unire noi e chi ci ascolta tramite l’utilizzo delle tecnologie al fine di esorcizzare l’apatia che internet e i social hanno causato alle generazioni odierne, ma anzi utilizzarli in favore della musica. Decidiamo quindi di incidere il nostro primo singolo “Falling Star”.

fallingstar

Da chi è formata la band?

La formazione è composta da Matteo Balboni (voce, chitarra, pianoforte), Nicola Rubini (basso, voci secondarie), Riccardo Graziani (tastiere, sintetizzatori) e Mattia Pigliapoco (batteria).

A chi vi ispirate musicalmente?

La nostra musica si propone di fondere stili musicali differenti, dal rock all’elettronica, fino alla musica classica, al fine di ottenere uno stile nuovo ed eclettico. Ci ispiriamo ad artisti e generi differenti come Muse e Radiohead per l’incontro tra rock ed elettronica, a produttori come Ryan Lewis per le parti dei sintetizzatori e ad artisti quali Bach e Chopin per le armonie.

Perché scegliete l’inglese per i vostri testi?

Preferiamo l’inglese per i nostri testi per l’universalità della lingua, così il nostro messaggio può essere accessibile a tutti.

Il vostro è un pop che strizza l’occhio a sonorità elettroniche. A quale “genere” vi sentite appartenere?

Ci piace definirci una band alternative rock, in quanto pensiamo sia il genere che meglio definisce la nostra varietà. Il nostro primo singolo riporta sonorità pop, mentre altri brani che abbiamo scritto e che abbiamo intenzione di incisinchrome2dere a breve sono pregni di sonorità più rock. In generale, amiamo sentirci liberi di esplorare la musica da più angolazioni, di fatto il nostro rock vede nell’elettronica una componente fondamentale.

Quali i progetti futuri?

Stiamo lavorando alla realizzazione di una demo che porterà poi all’incisione del nostro primo album, il lavoro da fare è ancora tanto ma speriamo di poterlo realizzare il prima possibile. Stiamo anche organizzando un piccolo tour che partirà con l’anno nuovo per presentarci al pubblico e far conoscere la nostra musica anche dal vivo, tra cui anche alcuni brani che inseriremo nel nostro album. Prepariamo i nostri live con grande attenzione perché pensiamo che oltre ad un buon prodotto musicale, il contatto con le persone che ci supportano sia fondamentale.

Ascoltateli qui: http://radiolocaliditalia.it/qtvideo/sinchrome/

 

Condividi su:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *