On Air
18esimo Programma Only posh music for your ears.
Home
  • Home
  • Nuovo e innovativo progetto molisano: il ‘Turismo della Memoria’

Nuovo e innovativo progetto molisano: il ‘Turismo della Memoria’

5 febbraio 2017 Arte Mostre


Il progetto pilota nasce dal Molise, in particolar modo dal piccolo borgo di Matrice, nel hinterland campobassano, e nasce dalla mente sagace del giornalista e scrittore Roberto Colella. Uscendo dagli schemi della tradizionale visita fatta in posti storici o luoghi di culto, si immagina un rapporto in cui vi è un feedback tra il posto, la sua storia, la sua cultura, la sua territorialità ed il visitatore.

Il nuovo e l’innovativo del Turismo della Memoria sta nel rivisitare in chiave moderna tutta la cultura popolare espressa in un proverbio, vox populi. Nel proverbio vi è tutta la saggezza e la conoscenza del popolo che viene tramandato.

In particolare il Turismo della Memoria di Colella, si trasforma in una mostra itinerante a cielo aperto dove la galleria d’arte sono i borghi e i quadri sono i proverbi. Questo perché un proverbio, oltre che storia, è anche geografia.

TURISMO DELLA MEMORIA: MAPPA EMOZIONALE.

Lasciare esposte per le strade di Matrice i proverbi dell’antica tradizione, incorniciati, va a ricreare una mappa emozionale della memoria . Un lavoro che si compone prima di un’intervista agli anziani del paese che fanno riaffiorare i ricordi e la memoria del paese, e poi dell’allestimento a cielo aperto.

A parlarcene è lo stesso ideatore, Roberto Colella.

Che significa ‘Turismo della Memoria’?

La visita a un luogo della memoria non ha lo stesso significato di una visita ad una classica destinazione turistica. Un luogo della memoria non ha un’identità in sé; la sua identità si definisce nello sguardo di chi ricorda e ricostruisce un passato ancora vivo nella mentalità e nella sensibilità collettiva. Il turismo della memoria è dunque “un rito collettivo di conoscenza del passato e di costruzione dell’identità di un territorio”.

L’idea sperimentale del Turismo della Memoria perché nasce?

L’idea è nata dal volere sperimentare, per la prima volta in Molise, un discorso legato ad una mappa turistica emozionale, salvaguardando la memoria del paese e utilizzandola a fini turistici.

 

Come si articola il progetto?

Nel web, basta mettere Turismo della Memoria Matrice poi con i proverbi abbiamo riqualificato il centro storico ponendoli dinanzi alle diverse attività. Al termine del progetto è stata realizzata una mappa emozionale e caricate sul canale YouTube le video interviste agli anziani del posto.

Qual è la finalità?

Da tempo il turista di quarta generazione non cerca più le grandi mete ma il contatto con le realtà locali spesso fuori dai circuiti turistici. L’obiettivo del progetto dedicato al Turismo della Memoria è stato quello di coinvolgere gli anziani della di Matrice recuperando e valorizzando il passato dei matriciani in modo innovativo, salvaguardando la memoria storica. 

 

Insomma un progetto innovativo che guarda al futuro, senza dimenticare il passato e che vale la pena di sostenere.

Condividi su:

, , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *