Home
  • Home
  • CORONAVIRUS, MUSICA ITALIANA IN DIRETTA SOCIAL

CORONAVIRUS, MUSICA ITALIANA IN DIRETTA SOCIAL

24 Marzo 2020 Musica & News


In questo momento delicato, l’Italia intera è pervasa da uno stato di stress che non si verificava almeno dal secondo dopoguerra: il senso di costrizione dovuto alla quarantena, la paura del contagio, l’ansia di dover aspettare un tempo indefinito prima di poter tornare alla normalità, stanno inevitabilmente modificando le dinamiche sociali delle persone.

Tuttavia, gli italiani non perdono la speranza e, con la fantasia che li contraddistingue, riescono a trasformare una situazione anomala di “distacco” in una nuova tipologia di socialità che unisce virtualmente tutti coloro che sono costretti a stare a casa.

In che modo? Tra le varie iniziative, un ruolo importante lo gioca soprattutto la musica: da quando è stato stabilito che non si può uscire da casa, la gente ha iniziato a cantare e suonare dal balcone, dal terrazzo, dalle finestre, ma anche sfruttando i social network, ribadendo l’orgoglio italiano, quello che unisce i cuori da nord a sud.

Significativi i flash-mob che vengono organizzati ad un orario prestabilito, spesso alle ore 18, in tutte le città: l’inno di Mameli, Azzurro e i vari classici della musica nostrana, cantati da tutti coloro che rispettano il diktat del restare a casa.

Sono molte le iniziative anche dei cantanti attraverso esibizioni in live streaming sui principali social network, improvvisando addirittura dei duetti su Instagram, dov’è possibile coinvolgere più persone durante le dirette.

Gli artisti stanno regalando ai fan inediti video set live rigorosamente realizzati nelle proprie abitazioni, principalmente a scopo benefico e per la raccolta di fondi utili ad aiutare chi è impegnato in prima linea nella lotta al coronavirus, ricordando che la connessione tra esseri umani attraverso la musica è fondamentale per superare uniti questa emergenza che ormai ha raggiunto una dimensione globale.

Degna di nota è l’iniziativa del grande produttore discografico Mogol, che ha deciso di rivisitare il testo del grande successo cantato da Lucio Battisti, Il mio canto libero, adattandolo alla situazione attuale e offrendolo a strumenti e voci dei medici specialisti impegnati nella battaglia contro il mostro invisibile che stanno combattendo esponendosi per il bene dei tanti pazienti che accudiscono quotidianamente. Un modo per consentire a questi “eroi” dei nostri giorni di abbassare la mascherina per qualche ora, seguire lo spartito e offrire loro la possibilità di distrarsi e svagarsi in attesa di ritornare in trincea.

 

#ANDRATUTTOBENE

Condividi su:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *