On Air
21esimo Programma Indie beats and international voices.
Home
  • Home
  • Birra Buffa: la nuova pinta artigianale sarda

Birra Buffa: la nuova pinta artigianale sarda

9 giugno 2017 News


Siamo in Sardegna, in questa terra di sole e mare nasce una delle più buone birre artigianali, da degustare in allegria. Parliamo della Birra Buffa, dove ‘buffa’ non è solo un aggettivo che fa riferimento a un brand davvero molto simpatico ma al termine tipicamente sardo che sta a significare ‘bevi’. Questa nuova e artigianale pinta sarda nasce da ben quattro ingredienti magici: lievito, luppolo, malto e acqua. Quattro ingredienti per dar vita ad una bevanda dal sapore antico.

STORIA DELLA BIRRA BUFFA

Fondamentalmente il modo di fare la birra è abbastanza semplice: bastano quattro ingredienti per ottenere questa bevanda dal gusto cosi particolare. Tutto inizia con l’ammostatura, che è la fase di trasformazione del malto in mosto che a sua volta è immesso in delle caldaie e portato fino all’ebollizione; durante questa fase viene aggiunto il luppolo (o altri additivi aromatizzanti) che conferirà alla birra il suo classico sapore amarognolo. A fine bollitura, e dopo il raffreddamento, viene aggiunto il lievito per la fase della fermentazione, che può avvenire in due modi diversi: bassa e alta.

La bassa fermentazione, della durata di sette giorni, avviene a una temperatura tra i 7 e i 12 °C e da origine alla maggior parte delle birre classiche (quelle più diffuse in Italia); lalta fermentazione invece dura solamente tre giorni, avviene ad una temperatura più elevata (tra i 18 e i 25 °C) e viene utilizzata per la produzione delle birre fruttate. Durante la fermentazione gli zuccheri contenuti nella bevanda sono trasformati in alcool e anidride carbonica (che viene per la maggior parte espulsa). Alla fine di questo processo la birra subisce una fase di maturazione e riposo della durata di almeno tre o quattro settimane; successivamente, per alcuni tipi di birra, avviene la filtrazione cioè la separazione della parte liquida da quella solida, ed eventualmente la pastorizzazione.

La Birra artigianale Buffa non viene nè filtrata nè pastorizzata, ma dopo l’imbottigliamento viene lasciata rifermentare per un mese in bottiglia, in modo da conferirle un gusto particolare in continua evoluzione.

LE BIRRE BUFFA: TUTTE LE TIPOLOGIE

La birra Buffa Ambrata è una rossa artigianale stile Strong Ale. Con una moderata corposità, si distingue per i suoi profumi fruttati di bacche rosse e note di luppolo fresco. Con una gradazione alcolica di 6,00% VOL, la nostra Ambrata non viene ne pastorizzata ne filtrata, ma fatta rifermentare per un mese in bottiglia.

La nostra Buffa Bianca è una birra artigianale stile Blanche. Gentile e delicata, di color oro pallido e dal sapore morbido e vanigliato, con un con un mix di profumi fruttati, vaniglia e bergamotto. Non pastorizzata ne filtrata, viene rifermentata in bottiglia per un mese. La Buffa Bianca ha una gradazione alcolica di 5,00% VOL.

La nostra Buffa Bionda è una birra artigianale tipo Blond Ale Inglese, con corpo leggero e mediamente luppolato. Abbina sapientemente i profumi floreali all’intensità erbacea del luppolo fresco. Grazie alla rifermentazione in bottiglia, il suo gusto è in continua evoluzione. Ha una gradazione alcolica di 5,00% VOL.

Per contatti: https://www.facebook.com/BirraBuffa/  ,

sito web: http://www.birrabuffa.it/ .

Condividi su:

, , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *