On Air
18esimo Programma Only posh music for your ears.
Home
  • Home
  • Affetto e cura: il segreto del buon vino del ‘Principe delle Baccanti’ di Baranello

Affetto e cura: il segreto del buon vino del ‘Principe delle Baccanti’ di Baranello

4 maggio 2017 News


Un buon bicchiere di vino non è solo un toccasana per la salute ma una prelibatezza anche dell’anima. Per questo motivo la scelta di una buona bottiglia di vino non deve essere mai lasciata al caso ma ben ricercata. Con i prodotti proposti dall’azienda vinicola del ‘Principe delle Baccanti’ non si rischia mai di sbagliare. Parliamo di una delle aziende di vino migliori del Molise, una delle eccellenze oltre confini regionali che nasce nei vigneti di Baranello, piccolo paese nel hinterland di Campobasso. È qui che l’azienda, a conduzione familiare, produce una delle più buone Tintilie. Quale la formula per il successo? “Affetto e cura”, parola di Livio Palazzo, titolare del ‘Principe delle Baccanti’, enologo, vignaiolo e cantiniere dell’azienda.

LA STORIA DEL ‘PRINCIPE DELLE BACCANTI’

Il ‘Principe delle Baccanti’ nasce da Livio Palazzo che, con sapore quasi nostalgico, si mette in gioco e tenta di creare un’azienda che produca vino rievocando i sapori e il gusto di un tempo. Memore di un vino che era tanto apprezzato dai tedeschi durante gli anni ’30 e ’40 del secolo scorso, Livio decide di riproporre un vino che ‘rispolverasse’ tradizione e gusto. Ha fondato così l’azienda di Baranello unendo la passione per il vino, con le antiche tradizioni vinicole ed ha dato vita ad una vigna impiantata nel cuore collinare del Molise, precisamente in contrada Petrole a Baranello.

‘AFFETTO E CURA’: FORMULA VINCENTE

Come riesce ad ottenere successo la produzione del ‘Principe delle Baccanti’? A svelare il segreto è lo stesso titolare Palazzo: in partenza la sua ‘Tintilia’ non ha nulla in più rispetto alle altre. Saranno in seguito ‘l’affetto e la cura’ del lavoro ad essere il valore aggiunto.

Si parte dall’amore per la natura incontaminata, dalla sua tutela e dal rispetto, perché è “la terra stessa a dar vita ai prodotti” e solo in questo modo si può sperare in un’ottima produzione. Dopo aver custodito con cura i due ettari di vigneto, a circa 650 metri sopra il livello del mare, si passa all’affetto della produzione di vino, decidendo di usare meno solfiti per lasciare il sapore più ‘pulito’ possibile. A conclusione di questa formula vincente c’è l’idea di ‘famiglia’: è la conduzione familiare che permette la cura del dettaglio, l’artigianalità del lavoro e il lavoro di ricerca per avere un risultato sempre migliore.

VINO E CULTURA DELLA TERRA: CON FEDERICA IL FIENILE DIVENTA SALA DEGUSTAZIONE

La passione per il buon vino del signor Livio viene ereditata da sua figlia Federica, giovane designer, scelta qualche anno fa come nuovo volto per il settimanale femminile de Il Corriere della Sera, Io Donna, che la incorona ‘donna agricoltura’. È lei che ha saputo arricchire la tradizione dell’azienda con l’innovazione e la valorizzazione del ‘Made in Italy’. È lei che aggiunge ad una semplice passione per il vino, uno studio sapiente e ricercato: “Con la tesi di laurea ho dimostrato che dai sedimenti del mosto si ricavano pastelli e un cartone adattissimo al packaging per le bottiglie di vino”. È lei che trasforma il fienile dell’azienda in una sala degustazione dove, su prenotazione, è possibile assaporare le prelibatezze del posto, accompagnate da un ottimo vino Palazzo, visitare il museo della produzione ed essere guidati in una visita culturale nel vigneto di famiglia.

I PRODOTTI: TINTILIA, FALANGHINA E PRINCIPE DELLE BACCANTI

L’affetto e la cura hanno portato alla produzione di:

  • Tintilia Dop, un vino dal colore rosso amarena e dal sapore speziato, ideale per accompagnare carne e formaggi;
  • Falanghina Dop, un vino dal colore giallo e dal profumo di mela, ottimo per gli aperitivi ma anche indicato con l’abbinamento di formaggi e carni bianche;
  • Rosso Blanded, un vino dal gusto fresco e dal profumo fruttato. Indicato per pasti ‘corposi’ come primi piatti al ragù, carne al sangue o per delle grigliate.

Per conoscere l’azienda, questi i riferimenti:

sito web http://www.principedellebaccanti.it/

pagina Facebook https://www.facebook.com/Principe-delle-Baccanti-498011726900250/ .

Condividi su:

, , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *