On Air
18esimo Programma Only posh music for your ears.
Home
  • Home
  • Addio a Leone Di Lernia: cantante e speaker di Radio 105

Addio a Leone Di Lernia: cantante e speaker di Radio 105

1 marzo 2017 Musica & News


L’annuncio è arrivato ieri sulla pagina Facebook del figlio Davide: il noto e tanto amato re delle parodie trash, Leone Di Lernia è morto a Milano, all’età di 79 anni, dopo una lunga malattia.

Così ha scritto suo figlio: “Un male incurabile l’ha portato via, ma non ha portato via il suo spirito che rimarrà nei nostri cuori. La famiglia Di Lernia ringrazia tutte le persone che l’hanno amato e i suoi fans. Grazie di essere esistito. Ti amo Davide”.

LA CARRIERA

Una carriera lunga e variegata che lo ha portato dalla televisione alla radio. Il cavallo di battaglia di Leone Di Lernia è stato sempre il suo modo di fare comico e così è riuscito a spiccare.

Parte da Trani, città natia, con la passione per la musica e le canzoni ma le condisce con quel sapore di ironico che lo ha poi incoronato ‘Re del Trash’. Capisce subito che per raggiungere il successo c’è bisogno di trasferirsi a Milano, dove resterà poi fino alla morte.

Nel 1968 esce con la sua prima 45 giri dal titolo ‘Trenta Chili/Andiamo nei cieli’. Sono note anche le sue apparizioni, negli anni ’80, alle spalle degli inviati della trasmissione ’90 minuto’ nello stadio San Siro.

Dalla canzone allo sport, per arrivare anche alla politica con una breve esperienza fallimentare. Nel 1997 si candidò come capolista della Lega d’azione meridionale che sosteneva Giancarlo Cito come candidato sindaco di Milano.

La popolarità arriva negli anni ’90 quando rilancia e sostiene le cover demenziali e lavora molto sulle parodie musicali. Tanti i suoi successi tra cui: ‘Ra-ra-ri, ra-ra, pesce fritto e baccalà (Gypsy Woman)’, ‘Tu sei ignorante (Zombie)’, ‘Bevi stu chinotto (Get It On)’, sono solo alcune delle più spassose cover dell’epoca.

L’AMORE PER RADIO 105

Nel 1999 inizierà quella che è stata la sua più importante esperienza lavorativa con Radio 105 come speaker della trasmissione ‘Lo Zoo di 105’. Resterà in radio fino al 2008 quando interrompe per darsi alla carriera da opinionista in programmi come ‘L’Isola dei Famosi’ per poi riprendere la carriera ne 2011.

Il programma che conduceva era insieme ai due speaker radiofonici, Marco Mazzoli e Fabio Alisei. Il comico e showman ha lavorato allo Zoo di 105 a Milano per 18 anni.

Sono anche loro a dedicare un post sui social in memoria del noto Leone Di Lernia, raccontando il loro ultimo contatto con il cantante pugliese.

Quando io e Fabio siamo andati in ospedale a trovarlo, i medici e i famigliari ci avevano detto che il male era in stato avanzatissimo e che aveva pochi mesi. In quel momento, io e Fabio, siamo esplosi in un pianto infinito. L’unica speranza era che il suo corpo tenesse duro e potesse affrontare la chemio, ma come faceva a rimettersi?? Appena ha visto telecamere, tutta l’attenzione su di lui, ha tenuto botta e si è goduto gli ultimi giorni di notorietà. Lui era così, viveva per la tv e la radio, apparire era la sua gioia, essere riconosciuto, la sua aria”.

Continua Marco Mazzoli: “Sabato sera ha voluto che io e Wender andassimo a cena da lui, voleva stare con quelli con cui ha iniziato Lo Zoo nel 1999, come se volesse chiudere il cerchio. Sembrava in forma, sembrava pieno di vita, ma la notte ha avuto un tracollo e la mattina successiva mi ha inviato (con fatica) un messaggio vocale in cui diceva che si sentiva debole e che forse sarebbe venuto in radio il giorno dopo, ma quello è stato l’ultimo messaggio da lucido”.

“Mi mancherai tantissimo amico mio – scrive il deejay – lascerai un vuoto nella vita di tutto noi, eri un ragazzino, con una carica assurda. Eri sempre di buonumore e riuscivi a farci ridere anche in circostanze assurde. Eri un amico, un fratello, un collega, un nonno e un vecchio di merda. Ora vai, sali in cielo e insegna al paradiso i tuoi “auz”, “Addavadai”, digli che “non succedeee nientttt”. Ti voglio bene!”.

 

Addio a Leone Di Lernia.

Condividi su:

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *